Un approccio biodinamico, armonico e sensibile all'agricoltura.

Stella di Lemmen è un giovane progetto agricolo biodinamico, è viticoltura su terrazzamenti e pendenze estreme, è manualitá ed amore per la terra, è il coraggio di acquistare terreni ostili e renderli amici, è la forza di seguire il proprio istinto e i propri sogni.

 

L’azienda, nata nel 2015, sorge su un piccolo altopiano affacciato sul Mar Ligure ed è parte integrante del Parco Naturale delle Cinque Terre. 

 

I lavori sono tutt’ora in corso: lo scopo primario è la riqualificazione e la tutela di questo incantevole angolo di universo, che elargisce pace e bellezza ad ogni sguardo e che instilla in noi un profondo rispetto nei confronti della natura che ci circonda e ci sostiene.

 

Ci riteniamo ospiti di passaggio in questo luogo e siamo onorati di esserne i provvisori custodi, sempre più consapevoli che non ci possa essere futuro se non valorizzando e rispettando la terra in ogni aspetto. 

Limen, il primo vino bianco

porta la luce e la freschezza del mare nel tuo bicchiere

Limen

Limen

€ 38

Wine Tour & Tasting

VIENI A TROVARCI

Goditi un'esperienza nella natura con degustazione e visita al vigneto.

PRENOTA

il luogo

L’azienda trova il suo spazio sulle terre di Lemmen, un antico insediamento rurale abbandonato da oltre cinquant’anni con alle spalle un incendio, nel 2011. Narra la leggenda che il borgo di Lemmen, Limen in origine, sia stato fondato nel VIII secolo da un gruppo di profughi greci in fuga, e che i suoi abitanti avrebbero in seguito dato origine al paese di Riomaggiore.

L’incuria totale ci ha permesso di definire un nostro manifesto agriculturale: preservare e valorizzare i risultati ottenuti con tenacia da chi ci ha preceduto; rispettare la natura cercando di “cooperare” con essa piuttosto che “operare”; supportare la biodiversità e minimizzare l’impatto ambientale; rinuncia totale a diserbanti o fertilizzanti di sintesi. Il nostro intento è sempre stato e rimane, prima di tutto, quello di ripristinare il vigneto nella terra ormai incolte di Lemmen.

l'inizio

Può sorprendere scoprire che il progetto agricolo nasce per caso.

Nel 2014 Lucia e il marito, Diego, erano alla semplice ricerca di un luogo isolato in cui potersi dedicare alla loro grande passione per le piante, la natura, la terra. Non avevamo pianificato che questo, con il tempo, si sarebbe trasformato in un disegno molto piú ampio che avrebbe coinvolto tutti noi. Al primo sopralluogo il paesaggio si presentava ricco di rovi, erbacce e tronchi bruciati. Era evidente lo sforzo che si prospettava necessario per ristabilire quell'antica armonia tra il lavoro dell'uomo e della natura. Ciononostante, la magia e le vibrazioni che il luogo trasmetteva erano irresistibili.

Cominciarono così i primi atti di acquisto per un terreno che ad oggi si estende su quattro ettari, con esposizione a sud-ovest, al limite orientale del Parco delle Cinque Terre. 

i muri a secco

I terrazzamenti sono una parte imprescindibile dell’ecosistema delle Cinque Terre e a Stella di Lemmen sono stati oggetto del più importante lavoro di restauro: finora abbiamo ripristinato, con tecniche tradizionali, oltre 6000 metri quadri di muri a secco.

Le caratteristiche geografiche ed antropiche del territorio delle Cinque Terre sono uniche per il loro contesto collinare naturalmente aspro e accidentato, addolcito dalla costruzione di fasce per la coltura, che cala verso il mare con forti pendenze. Interessante sapere che la viticoltura in questa zona costiere favorisce, grazie ai terrazzamenti e alle particolari condizioni climatiche, alti livelli di biodiversità, sia a livello di suolo che di piante, con un grande beneficio per l'ecosistema e i prodotti che ne derivano.

il vigneto

Dovendo ripartire da zero, abbiamo deciso di affidarci ai principi dell'agricoltura biodinamica e di ripristinare innanzitutto le classiche varietà di bianco autoctono, Vermentino, Bosco, Albarola. La vigna, lasciata inerbita e arricchita dalla presenza di sovescio, viene trattata esclusivamente con prodotti fitofarmaci naturali, ed è circondata da numerose altre coltivazioni, in cui si muovono liberamente famiglie di api e di galline, dando così vita ad un organismo agricolo multifunzionale.

Limen, il nostro primo vino bianco, nasce con l’intento di catturare l’essenza del luogo e portare la luce e la freschezza del mare nel bicchiere. Le vigne di Stella di Lemmen sono infatti coltivate in terrazzamenti a circa 350m s.l.m. in cui il vento sospinge aria ricca di sale.

ACQUISTA

la campagna

Là dove crescevano unicamente roveti alti oltre tre metri avvolti ai tronchi di pino marittimo bruciati dall’incendio, ora vivono uliveti, orti, diversi tipi di arbusti, alberi da frutto tra cui agrumi, mandorli, peschi, meli, fichi, peri, e moltissime erbe aromatiche, officinali o semplicemente da fiore, con particolare riguardo per le specie amate dagli insetti impollinatori.

Questo incremento della biodiversità rende la raccolta del nettare da parte delle nostre api particolarmente varia e il bouquet dei mieli che ne derivano eccezionalmente fiorito, mentre la varietà dell'alimentazione delle nostre galline è strettamente legata all'alta qualità delle loro uova. Esse, che di notte vengono chiuse in diversi piccoli pollai in modo da proteggerle dai predatori, di giorno sono libere di razzolare nelle vigne e nei campi, nel bosco e nell'uliveto.

fatto a mano

Stella di Lemmen è un'azienda a conduzione familiare che vede Lucia, instancabile lavoratrice e imprescindibile guida, supportata da un piccolo gruppo sinergico di persone tenaci e motivate, da esperti del territorio e del vino naturale, dai figli, che rappresentano la nuova generazione.

Qui tutto il lavoro deve essere fatto a mano. Le terrazze, mantenute da muri di pietra a secco, sono troppo strette e pendenti per qualsiasi tipo di meccanizzazione, il che rende necessario un lavoro di squadra rigoroso.

Qual è il nostro obiettivo? Come spiega Lucia stessa, le intenzioni sono quelle di trasmettere a chi passa “il respiro della natura”, così da “lasciare gli ormeggi” che lo tengono legato e venire “rapito dal mondo” per comprendere che una vita in armonia con la natura è una vita in armonia con se stessi.